Crescita personale

Operatori olistici e lavoro : 5 domande per fare chiarezza

Inviato da:

Operatori olistici e lavoro.

Quella degli operatori olistici è ormai una categoria ben rappresentata da molti praticanti professionali, che si stanno inserendo nel mondo del lavoro di oggi.

Però da qui ad avere un’attività che dà delle vere soddisfazioni, in termini lavorativi ed economici, il passo è ancora lungo.

La maggioranza degli operatori, detto chiaramente, solo con questo lavoro non potrebbe vivere: mangiare, far fronte alle spese e alle tasse, andare in vacanza ecc. Sono in diversi ad avere un altro lavoro primario o un coniuge con un reddito proprio, che partecipa alle spese.

Leggi tutto →

0

Vampiro energetico: se ti “aggancia” il problema sei tu

Inviato da:

Vampiro energetico? Si, esattamente: questo è un termine in uso per descrivere una persona apparentemente “normale”, che tuttavia tende facilmente ad assorbire dagli altri l’energia vitale, mentale ed emotiva agendo come un parassita.

Il suo carattere manipolatore fa leva sulle debolezze emotive o mentali degli altri, rubandone la forza per la propria sopravvivenza, invece di creare da solo il proprio potenziale energetico.

Leggi tutto →

0

Ascoltare la voce del corpo – La ruota di Medicina

Inviato da:

Spesso la voce del corpo viene soffocata. Il corpo ti parla, ti guida, ti indica la strada.

Anche se se ne parla tanto, tutti noi siamo stati educati a non ascoltarlo, a trattarlo quasi come un molesto grillo parlante. Eppure…

 

Sentire la voce del corpo

Leggendo i libri di psicosomatica e di simbologia del corpo, si apprendono tutti gli schemi elaborati dagli esperti, per aiutare ognuno di noi a comprendere il perchè nascosto dietro i sintomi del corpo fisico.

Alcuni fanno riferimento all’agopuntura, altri ai chakra, altri direttamente ad organi fisici ed emozioni. Su ogni testo, in ogni metodo, troviamo un piccolo tassello che spiega i motivi celati dietro il dolore.

Ma siamo davvero tutti uguali?

Leggi tutto →

0

Ritrovare se stessi grazie al massaggio aromaterapico

Inviato da:

Ritrovare se stessi attraverso il massaggio: come riuscirci?
A volte ci “perdiamo”. Ci perdiamo perchè gli eventi della vita, le preoccupazioni, il correre quotidiano, la sopportazione di quello che non ci piace ma dobbiamo “per forza accettare” ,si prendono tutto il nostro tempo e le nostre giornate.

Poi, all’improvviso, dentro di noi qualcosa si spezza. Arrivano l’ansia, le lacrime, la tristezza…. ed è così che partiamo per un nuovo viaggio. Quello per ritrovare se stessi.

Leggi tutto →

0

Le cose vanno sempre come devono andare: destino, coincidenze o scelte?

Inviato da:

Quante volte, nella vita, hai pensato che “alla fine le cose vanno sempre come devono andare”? Io centinaia, ma quasi sempre col senno di poi 🙂

Ti racconto un avvenimento recente, che mi ha insegnato il valore della sincronicità. La sincronicità è quel meccanismo secondo cui le cose capitano in un certo momento perchè … deve andare così. Trovarsi nel posto giusto al momento giusto, evitare un incidente… di sicuro puoi raccontarmi anche tu molte storie apparentemente incredibili, capitate a te o a persone che conosci.

Leggi tutto →

0

Test dei Fiori di Bach: è attendibile?

Inviato da:

 

Quale metodo scegliere tra Test dei Fiori di Bach e colloquio?

Nelle sedute di Fiori di Bach esistono due correnti:

> chi ascolta il cliente e le sue esternazioni, poi compila una lista di fiori adatta a lavorare sulla situazione evidenziata;

> chi usa carte, apparecchiature o test kinesiologico (chi addirittura il pendolo), e da questa lettura deduce la miscela dei fiori adatta al cliente.

Per quanto mi riguarda non ho dubbi: devono esistere entrambi.

Leggi tutto →

0

Quando una giornata è speciale….

Inviato da:

 

Una giornata è veramente speciale quando la tranquillità interiore fa parte del quotidiano.

Una giornata è speciale quando ti senti utile, quando ti senti sereno perchè un tuo gesto ha fatto stare bene qualcuno, quando hai la conferma che ciò che sentivi era vero, quando i tuoi sforzi portano dei risultati, quando la realtà è anche più bella di quanto te l’aspettassi, quando porti a compimento un progetto, quando ricevi o dai un sorriso e questo ti fa sentire bene dalla punta dei capelli fino ai piedi…

Ma una giornata veramente speciale è quella in cui ti senti “dentro i tuoi panni”;

quella in cui ciò che sei e ciò che fai sono una cosa sola;

quella in cui “canti la tua canzone“, cioè sei totalmente te stesso senza timore e con entusiasmo…

 

Nelle giornate speciali non ti importa come sarà domani. Sono belle in sé, tutto potrebbe finire in quel momento o durare per sempre.

A volte vorremmo nella nostra vita solo giornate speciali. Sarebbe bello, ma non sarebbe più “speciale”.

E’ inutile pensare che “bisogna imparare a rendere positivi anche i momenti tristi”… siamo umani, ed è normale non amare i momenti difficili.

Passare attraverso le difficoltà è necessario, ci serve per crescere e per amare ancora di più i momenti (pochi o tanti), in cui il fiume della vita scorre tranquillo.

 

Auguro a te che leggi questo post, di poter avere delle giornate speciali nella tua vita. Non poche e non troppe: il numero giusto per te.
Perchè sono questi i momenti in cui raccogli energia per andare avanti, per riprogrammarti, cambiare, far nascere le idee e portarle a compimento, ma sono anche i momenti in cui puoi guardarti indietro, vedere il cammino che hai fatto, e sapere che è anche merito tuo se vedi qualcosa di bello.

 

0
Pagina 2 del 3 123
Contact slider
close slider
    Trattamento dei dati personali sul sito. I tuoi dati vengono gestiti secondo quanto indicato nella nostra privacy policy. Per consultarlaclicca sul link in basso nel menu.
error: Questo contenuto è protetto da copia!