Cos'è il Nei Gong - Come coltivare se stessi

Cos’è il NEI GONG? Per “nei gong” si intendono le pratiche orientali (principalmente taoiste), che agiscono sull’energia interna, in particolare quelle utili per focalizzare correttamente la forza vitale nel Dantian Inferiore.

In questo articolo parliamo del processo evolutivo che si può realizzare, grazie alla pratica prolungata del Nei Gong.

 

cos'è il nei gong - banner ruotadimedicina telegram

 

Qi Gong e Nei Gong

Il qi gong è divenuto molto più conosciuto negli ultimi anni, rispetto al passato. Praticare qi gong è una disciplina corporea “auto-curativa” fondamentale, per mantenere il proprio corpo fisico in equilibrio e benessere. Il qi gong è un’arte prevalentemente “fisica”, nel senso che passa attraverso un lungo training formativo sulla corretta esecuzione e sequenza degli esercizi.

Esiste una versione più “marziale”, ed una più rivolta alla buona condizione fisica (qi gong medico).

In particolare, per chi si dedica al qi gong medico, come praticante o come istruttore, il riequilibrio dei meridiani e dei vasi straordinari è un focus fondamentale, che si ottiene attraverso il movimento fisico e l’esecuzione delle forme, abbinandoli al respiro.

Le forme ed il respiro hanno il compito di stimolare il libero flusso dell’energia del corpo (Qi).

 

Cos'è il Nei Gong -Come coltivare se stessi-5

liberare il Qi

 

Il NEI GONG, invece, è il lavoro interno mirato a generare energia. Ha una componente fisica e molti esercizi energetici, focalizzati, soprattutto, sul radicamento nel Dantian Inferiore.

Anche in questo caso esistono programmi di allenamento più “marziali”, che servono, appunto, come preparazione alla pratica delle arti orientali, ed altri, invece, rivolti espressamente alla crescita personale e all’equilibrio corpo-mente-spirito, nella vita quotidiana.

Per fare un esempio di lavoro (gong = lavoro) sull’energia interna, non si può comprendere a fondo cos’è il nei gong fin quando non si è eseguito (e padroneggiato), l’esercizio fondamentale, il primo di tutti, che è la posizione in piedi. Proprio perché è l’esercizio più semplice è anche uno dei più impegnativi.

Ovviamente, l’aspetto posturale è solo la parte esteriore dell’esercizio. La focalizzazione interna è ciò che fa la differenza.

 

Cos'è il Nei Gong - Come coltivare se stessi-2

La posizione di meditazione “in piedi”

 

COS’E’ IL NEI GONG? SCOPRILO PRATICANDO:
GLI ESERCIZI DEL METODO IWAKURA® PER L’EVOLUZIONE PERSONALE
(ACCEDI ALLA PRESENTAZIONE)

 

Il Nei Gong e il Qi Gong sono contrapposti?

Qi Gong e Nei Gong sono complementari. Non è indispensabile praticarli entrambi: dipende dall’affinità personale. Tuttavia possiamo considerarli due aspetti diversi di un percorso comune.

Comprendere cos’è il Nei Gong e sperimentarlo, può aiutare a conoscere meglio il proprio corpo energetico, anche per chi pratica qi gong con una finalità di evoluzione interiore, oltre che per il benessere psicofisico.

Il programma di lavoro interno

Il lavoro sull’energia interna richiede una certa dose di “personalizzazione”: ognuno di noi, infatti, ha la sua specifica impronta, con i relativi benefici e svantaggi.

Quindi, anche se gli esercizi di fondo possono essere gli stessi, per ogni persona possono esserci delle differenze: alcuni sono adatti ed altri meno, alcuni agiscono più velocemente di altri, un esercizio produce più effetto se svolto in un determinato orario, ecc.

Per questo, anche se i passaggi del Nei gong sono, per così dire, prestabiliti, per ogni praticante l’esperienza sarà leggermente diversa. Occorre fare molta attenzione ai cambiamenti che avvengono nelle sensazioni del corpo, ma anche alla modalità attraverso cui si manifestano i risultati.

All’inizio, come sempre, i cambiamenti sono più visibili ed eclatanti (tuttavia, per contro, meno duraturi). Con l’andare del tempo le sensazioni diminuiscono: questo vuol dire che l’effetto si sta spostando più in profondità, sui corpi sottili (corpo di luce).

Cos'è il Nei Gong - Come coltivare se stessi-3

Il potenziamento del corpo di luce

 

Le fasi di lavoro sull’energia interna

Vediamo cos’è il nei gong: come agisce sulla persona? Con quali modalità si sviluppa il lavoro graduale sull’energia interna?

  • La prima fase del nei gong è il lavoro fisico: tutti abbiamo bisogno di lavorare sulla nostra postura, sul respiro, sull’armonia del movimento, sull’equilibrio… Questa prima parte, quindi, è uguale per tutti. Produce dei cambiamenti fisici, muscolari, ma anche maggiore relax ed autostima. Non si smette mai di lavorare sull’assetto posturale, fisico e respiratorio: queste sono, e restano sempre, le basi del Nei Gong.
  • La seconda fase incomincia quando la pratica smette di essere “solo fisica” ed inizia ad andare al di sotto della superficie. Il sistema corpo-mente-spirito si espande generando più “spazio interiore” ed inizia a liberarsi dai blocchi energetici.  Alcune “ferite” interiori diventano, gradualmente, sempre meno dolorose.
  • La terza fase rende il miglioramento generale più stabile e visibile. Il flusso energetico riprende la sua vitalità, le tossine vengono eliminate, la luminosità degli occhi e della pelle rivelano un migliorato equilibrio interiore.

Poco per volta, anche le dinamiche e gli schemi di pensiero volgono verso una visione più costruttiva, rilassata, evolutiva.

Naturalmente queste fasi non sono così “nette”: è frequente che vi siano periodi altalenanti, durante i quali ci sono momenti euforici ed altri decisamente bassi, costellati da scarichi emotivi e stanchezza. Ma non è grave, anzi fa tutto parte del percorso di evoluzione.

Il processo di lavoro energetico mira ad armonizzare le energie interne, creando un flusso in continuo movimento, che passa da una forma all’altra senza blocchi o ristagni.

 

Il Nei Dan

Esiste, successivamente, un livello molto avanzato di pratica, che va a sfociare nell’alchimia interna e diventa non-locale.

Il Nei Dan è l’ulteriore passo avanti rispetto al Nei Gong: è l’espansione dal lavoro sull’energia interna a quello cosmico, spesso extra-corporeo, che comprende numerose pratiche a carattere sciamanico.

 

Cos'è il Nei Gong - Come coltivare se stessi-4

l’unione delle energie interne

 

TRASMETTERE IL NEI GONG :
PERCORSO IWAKURA® PER DIVENTARE ISTRUTTORE

 

Il Nei Gong è uguale per uomini e donne?

Nelle epoche “moderne” il nei gong è stato trasmesso prevalentemente dagli uomini, ma nell’antichità era una disciplina caratterizzata da una forte componente femminile. Oggi, tuttavia, le donne che si dedicano a coltivare espressamente il nei gong sono, purtroppo, poche.

L’allenamento di base è uguale per uomini e donne (postura, respiro, flessibilità, focus nel Dantian Inferiore). Tuttavia, successivamente occorre potenziare i centri energetici in modo leggermente diverso. Per le donne, ad esempio, esistono esercizi specifici, atti a sostenere le fasi di cambiamento fisiologico e vitale.

Avremo modo di approfondire queste differenze in altri articoli.

Per farsi un’idea di cos’è il nei gong, quindi, il metodo migliore è praticarlo. L’allenamento fisico-meditativo ha un’influenza molto positiva sul benessere della persona, ed è una via interiore preziosa attraverso la quale coltivare se stessi.

Il nei gong riesce a risvegliare il sistema energetico quando questo si presenza “addormentato”, bloccato o ristagnante. In questo modo verrà facilitato l’accesso alla Coscienza, riconnettendo l’interiorità con il suo vero cammino.

 

 

Vuoi approfondire? Ecco altri due articoli in tema:

L’alchimia spirituale femminile

La piccola circolazione celeste, seminario in streaming

 

Sei interessato/a a conoscere la nostra accademia di formazione professionale? 

Accedi al sito DUE CIELI