Energia yin in movimento per nutrire il corpo e l’anima

, ,
energia yin-2

L’energia Yin rappresenta la calma, l’introspezione e la tranquillità, ma anche la solidità del nostro corpo fisico. Rigenerare questa fonte di benessere naturale è essenziale per contrastare lo stress ed i ritmi frenetici della vita moderna e, soprattutto, per generare una fiorente longevità.

E’ fondamentale, nel corso della giornata o lungo la settimana, prendersi un po’ tempo da dedicare a noi stessi con attenzione; in questo evento abbiamo approfondito, con un gruppo di operatori qi gong, gli esercizi che stimolano e nutrono efficacemente l’energia yin nel corpo, nella mente e nell’anima. E’ stato molto potente sperimentare quanto la forza dello Yin può favorire il benessere a livello fisico, mentale ed emotivo.

Cosa vuol dire “nutrire l’Energia Yin”?

L’energia Yin (femminile) è uno dei due elementi fondamentali nella medicina cinese, insieme all’energia Yang (maschile). Mentre l’energia Yang rispecchia tutto ciò che è movimento, azione ed estroversione, l’energia Yin è l’aspetto contrapposto-complementare che rispecchia la calma interiore, il raccoglimento, la ricettività. Secondo la filosofia Taoista l’equilibrio tra Yin e Yang è essenziale per mantenere la salute ed il benessere.

Per armonizzare il corpo e la mente, è necessario comprendere l’importanza di questa potente vibrazione interna. Quando essa è in equilibrio, infatti, si sperimenta una sensazione di calma interiore, pace e benessere.

Lo yin è anche rappresentato dalla nostra fisicità, cioè dal corpo vero e proprio. Inoltre costituisce anche un importante centro energetico che si chiama Dantian Inferiore (il bacino, Hara per i giapponesi), nel quale è conservato il jing, cioè la nostra essenza primaria, l’energia che determina la durata della nostra vita.

Per capirci meglio: il jing è una quantità di forza vitale (ancestrale) predefinita, che determina, letteralmente, la nostra sopravvivenza. Se abusiamo della nostra energia vitale (qi) esaurendola, il corpo è costretto a consumare il jing… il che, di fatto, accorcia la vita. E’ una spiegazione semplicistica, ovviamente, ma chiarisce l’importanza dell’energia yin per la longevità e la sopravvivenza.

Ecco perché lo yin va nutrito continuamente, ma anche preservato.

 

energia yin - 1

Seminario aprile 2024

 

Perché occorre bilanciare lo Yin nel corpo attraverso gli esercizi orientali?

Riconoscere e bilanciare l’energia Yin nel corpo è essenziale per coltivarla e mantenerla in armonia. Ci sono diversi segnali che possono indicare un disequilibrio dell’energia Yin: per esempio l’ansia, oppure l’insonnia, la stanchezza cronica (che al giorno d’oggi è molto diffusa), oppure la sensazione di sentirsi emotivamente ed energeticamente vuoti.

Una delle prime tecniche per bilanciare la potenzialità Yin è la consapevolezza della respirazione. La respirazione profonda, infatti, può aiutarti non solo a rilassare la mente ma anche a connetterti con il tuo corpo interiore, con l’energia interna.

Il Nei Gong è una disciplina basata essenzialmente sulla coltivazione dell’energia yin interna, profonda. Durante la pratica si esegue spesso una respirazione diaframmatica, in cui inspiri profondamente attraverso il naso ed espiri lentamente attraverso la bocca. Questo tipo di respirazione favorisce il rilassamento e calma la mente, ma contemporaneamente ricarica anche l’energia yin. 

Se viene unito al Dao Yin, che è una tecnica di qi gong medico basata sull’estensione elegante del corpo abbinata al respiro, il Nei Gong moltiplica le sue potenzialità “curative” (intese sempre a livello energetico), liberando l’energia bloccata per dirigerla dove c’è bisogno, diminuendo così la stanchezza causata dalla carenza di qi, per generare un senso di potenza e di lucidità.

 

Uno stage dedicato all’energia femminile

Si potrebbe pensare, erroneamente, che coltivare l’energia yin faccia bene solo alle donne, che sono elementi yin per nascita. In realtà lo yin e lo yang sono presenti sia nell’uomo sia nella donna, e la carenza di yin genera sempre dei disturbi.

Non si può negare che questi esercizi siano molto adatti alle donne, soprattutto dai 40 anni in poi, quando il ritmo vitale subisce un graduale ma importante calo fisiologico. Durante la menopausa, per esempio, praticare regolarmente Nei Gong sarebbe essenziale sia per allungare la vita, sia per mitigare i sintomi del climaterio.

Il Dao Yin, dal canto suo, ha un effetto meraviglioso sull’elasticità dei tendini e della fascia, permettendo così di mantenere l’agilità del movimento anche in tarda età.

Tutto ciò ovviamente è utile, nella stessa misura, anche agli uomini, perché con l’età la capacità di ripresa e di adattamento del corpo decresce sempre di più, mentre grazie a questi esercizi l’energia vitale si mantiene decisamente più… giovane, molto a lungo.

 

 

Due testimonianze da istruttrici partecipanti al corso

La prima testimonianza in relazione al corso sull’energia yin arriva da Giovanna Moisè, Istruttrice di Qi Gong e Riflessologa a Marina di Carrara (MS).

La sensazione che ho avuto subito dopo il seminario è stata quella di avere uno strumento, un kit fondamentale per questo mio periodo di passaggio alla seconda primavera e ne ho avuto la conferma praticando gli esercizi. Mi aiutano tantissimo perché le caldane sono frequenti, di notte mi fanno dormire male. Con questi esercizi recupero molta energia.
Vedo, però, che sono molto apprezzati anche dagli uomini nei miei corsi perché li aiutano a ritemprarsi (in particolare il massaggio renale). Fondamentale, per me, l’esercizio per abbassare il calore, sorprendente quello del gallo d’oro in piedi su una zampa sola e catartico “le mani come nuvole”. Mi sono stupita, infine, delle sensazioni avute con la meditazione “andare a cavallo osservando la luna” perché sentivo le mani pulsare in sincrono con la respirazione nel Dantian inferiore e mi dava una sensazione di espandere e contrarre molto piacevole.

 

Quello che segue, invece, è il racconto di Maria Selvaggio, esperta di tecniche meditative a Giubiasco (Canton Ticino – Svizzera) ed on line.

Quando sono andata in menopausa me lo ricordo bene: è stato molto doloroso, ho subito capito che era finito un periodo ed era iniziato uno nuovo, più consapevole. Il seminario mi ha donato un’ulteriore consapevolezza del fatto che il periodo di menopausa è un nuovo inizio, una nuova fioritura. Fatto il seminario ho acquisito nuovi strumenti x viverla al meglio, mi sono sentita piena di energia e ricaricata, tanto che avrei potuto rimanere sveglia giorno e notte nei giorni successivi.
Le tecniche che ho acquisito mi hanno donato una nuova energia che mi ha riordinato la giornata… allungandola . Da allora mi alzo alle sei, recuperando così due ore che adopero per lavorare di più. Ho cominciato, comprendendo la mia natura, a muovermi di più, nutrendo quel processo di dimagrimento iniziato da un po’ di tempo, ma che andava a rilento.
Il seminario sull’energia Yin e’ stato uno spartiacque importante per me, donandomi la profonda consapevolezza che anche in menopausa si può e si deve vivere al meglio. Grata di averlo fatto.

In entrambe le testimonianze emerge il grande sostegno energetico che gli esercizi possono aggiungere alla vita quotidiana. Se le energie sono ben allineate, la stanchezza diminuisce gradualmente ed il tempo si può ottimizzare. Avere più energia e più vivacità durante il giorno (fin da subito!), è un cambiamento molto positivo.

 

La gratitudine per potenziare l’energia yin

La pratica taoista della gratitudine è un’altra tecnica potente per coltivare l’energia Yin, che puoi praticare regolarmente a casa.

Prenditi del tempo ogni giorno per riflettere su ciò per cui sei grato nella tua vita. Focalizza la mente sugli aspetti costruttivi della tua giornata, sui progetti che hai reso concreti, sulle persone con cui hai condiviso anche solo un bel momento di pochi minuti. Tutto questo calma la tua energia interna e nutre lo yin, costruendo energia vitale. 

La gratitudine ti aiuta a spostare l’attenzione verso ciò che è positivo e ti permette di coltivare un atteggiamento di apertura e di apprezzamento per la vita, indipendentemente dal fatto che esistano anche i problemi. Infatti il taoismo insegna che la malattia nasce quando non riusciamo ad adattarci, ad “acclimatarci” rispetto alla realtà ed agli avvenimenti della vita. 

Ecco perché dedicare anche solo un minuto o due al ricordo degli aspetti sereni della tua giornata prima di dormire, costituisce un mezzo per nutrire l’energia vitale e prolungarne la potenza.

 

Fai emergere chi sei, sulla via della Medicina Cinese Classica
Deborah