Il risveglio spirituale passa dal corpo fisico!

risveglio-spirituale

Quando si pensa ai percorsi di risveglio spirituale, quasi sempre si fa riferimento a pratiche di carattere energetico, meditativo, mistico. E’ un collegamento che viene spontaneo, soprattutto se hai una predisposizione naturale per le discipline che potenziano le energie sottili.

Tuttavia, a distanza di molti anni dal primo giorno in cui mi sono seduta in un’aula di Tecniche Vibrazionali, posso dire che questo concetto contiene una grossa limitazione. Una limitazione che può rendere estremamente impegnativo realizzare un vero balzo spirituale.

Insegnare Qi Gong "interno": scopri il Nei Gong Iwakura

La via più faticosa per il risveglio spirituale

Quasi tutti i giorni incontro persone che mi chiedono consigli per intraprendere un percorso spirituale. Pensano, dopo aver letto molto sul web o sui libri, di doversi dedicare a cristalli, angeli, visualizzazione, meditazione, reiki, ecc.  Magari anche tu, come me in passato, sei convinto che per sviluppare lo spirito sia indispensabile abbandonare la materia.

Questa convinzione (anzi, permettimi di chiamarla sabotaggio), deriva dalle forme di spiritualità di carattere religioso, finalizzate alla mortificazione della carne. Ma alla lunga può solo portarti un forte senso di frustrazione.

In realtà le pratiche mistiche ed energetiche in generale, sono utilissime, perchè:

  • ti aiutano a trascendere le paure
  • ti guidano nel conoscere meglio la tua interiorità per sviluppare i talenti con cui sei nato
  • rilassano e sono indubbiamente degli ottimi antistress

Tuttavia non possono materialmente, da sole, cambiare la tua vita. Se smetti di praticarle anche solo per un mese, tutto torna al punto di prima (o quasi). Questo non vuol dire che sono bufale, ma mancano di una parte fondamentale: la parte che rende il percorso di risveglio spirituale rapido e consolidato. Questa parte è la materia, il corpo, il mondo reale.

 

Ogni piano di realtà parla la sua lingua

Il motivo per cui le pratiche mistiche non possono, da sole, cambiare totalmente la realtà, è che si tratta di due piani diversi, che parlano linguaggi diversi. Il mondo dello spirito non comprende la materia, e viceversa.

 

Se ti aspetti che il lavoro spirituale sia sufficiente, avrai una delusione.
E questo non perché ” hai praticato troppo poco” o non sei stato “abbastanza bravo”, ma semplicemente perché stai dialogando con una dimensione che non sa cosa sono il denaro, il cibo, il freddo e il caldo, il tempo, ecc.

 

La tua ricerca spirituale è fondamentale per orientare correttamente le tue scelte e le azioni che decidi di intraprendere, ma non sostituisce l’azione stessa. Se visualizzi il benessere oppure il risveglio spirituale, non è detto che riesci a raggiungerlo davvero. Dipende da come agisci nel piano della materia.

 

Ci sono persone che mi chiedono di fare per loro la ricerca dei talenti, così da comprendere che lavoro fare. Scoprire ciò per cui hai scelto di arrivare qui sulla terra è un passo importante per dare una svolta al destino. 

Normalmente svolgo questa ricerca attraverso IL BAZI, una forma di analisi basata sui principi della Medicina Cinese, che esplora la costituzione tipologica di una persona, svelandone le capacità nascoste.

 

Il corpo: la chiave del risveglio spirituale

risveglio spiritualeIn questi anni ho constatato che le persone che hanno intrapreso nella nostra Scuola percorsi legati al movimento o al corpo fisico (ad esempio il Qi Gong, la Riflessologia, la Nutrizione e il Coaching, ecc.), pur affiancandoli ai percorsi energetici, hanno raggiunto dei grandi risultati in poco tempo, anche a livello personale.

Hanno cambiato in meglio molti aspetti della loro vita, risolto dei conflitti, intrapreso progetti a livello creativo o lavorativo…
Tutto questo in modo più rapido e con molta più leggerezza (soprattutto meno ostacoli), rispetto a chi si dedica esclusivamente ai metodi spirituali.

Ho cercato una spiegazione e questo è ciò che ho potuto osservare: il perfetto mix che ha facilitato il percorso è stato unire i metodi sulla ricerca spirituale con quelli “pratici”, integrando gradualmente la consapevolezza che viviamo in questo mondo per scelta, ed è attraverso questa realtà che dobbiamo confrontarci con noi stessi per avviare un reale risveglio spirituale.

 

Insegnare Qi Gong "interno": scopri il Nei Gong Iwakura

 

Accettare la materia e le sue “regole”, per quanto non sempre gradite, è il modo per onorare il tuo destino nel nascere in questo preciso momento e luogo. Siamo tutti qui per imparare, anche da questo mondo difficile. Questo è stato il nodo cruciale che ha permesso il salto per chi era pronto.

Il corpo acquisisce i messaggi in modo immediato, li integra velocemente. Una volta che sperimenta, registra. Per questo, se hai in progetto un percorso olistico per facilitare il tuo risveglio spirituale, il consiglio che posso darti è quello di unire discipline che lavorano su tutti i piani della realtà. Questo è il vero risveglio spirituale.

Perché nella completezza del tuo essere, realizzi il tuo miglior destino.