Tecniche di meditazione – Deborah Nappi

Inviato da:

Se ti piace, condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Corsi sulle Tecniche di meditazione per raggiungere l’equilibrio yin/yang nel qui e ora. I corsi si tengono a Torino prezzo la Libera Università Popolare Due Cieli asdps.

Per maggiori informazioni scrivimi.

 

 

 

CORSO 1 –  Tecniche di meditazione corporea Iwakura®

 

Nel corso praticherai le mie tecniche di meditazione che passano attraverso il corpo per portare l’energia nella sua giusta collocazione: l’hara (addome).

Il mio sistema di tecniche meditative è basato sul silenzio mentale, che raggiungi attraverso un percorso dove l’esperienza corporea è al centro della consapevolezza: infatti, la mente è solo un “registratore” di esperienze, ma chi le vive è il corpo.

 

La differenza dalle altre tecniche? Enorme. In pochi secondi raggiungi la focalizzazione e riesci a zittire i pensieri vorticosi, senza fatica e senza lo sforzo per raggiungere il “vuoto”.

 

Il corso verrà collocato al GIOVEDI’ DALLE ORE 18,30 ALLE 19,30.

 

Se la tua finalità è quella di diventare INSEGNANTE di meditazione, visita la pagina sul metodo Iwakura.

 

 

CORSO 2 –  Corso di kyudo meditativo (meditare attraverso l’arco giapponese)

 

Il kyudo, tiro con l’arco giapponese, è una tecnica molto antica, praticata dai samurai.

Tecniche di meditazione 2Dalla collaborazione con mio marito Vincenzo è nato questo corso di Tecniche di Meditazione attraverso la pratica dell’arco.

 

In questo percorso la meditazione si alterna allo studio dell’arco giapponese, con la finalità di focalizzare la mente, fare chiarezza e rallentare i pensieri.

 

Insieme, formano una sinergia di forze che ti aiuta a compiere i giusti passi per raggiungere il vuoto (satori), mentre rimani profondamente connesso con il tuo corpo fisico.

Vuoi partecipare? Scopri di più visitando la pagina sul kyudo

Il corso si svolge 1 / 2 volte al mese, al SABATO MATTINA, dalle ore 10 alle 12. 

 

Tecniche di meditazione 3

Tagliare il legame tra il prima e il dopo

Tagliate il legame tra il prima e il dopo. Oberare la mente dei momenti passati è nocivo quanto il fatto di lasciar perdurare le tracce del pensiero attuale.

Occorre penetrare nell’intervallo tra il passato ed il presente, tagliare il legame tra prima e adesso, tra adesso e dopo, per non trattenere la mente.

(T.Soho)

 

0